Home

News

Revenir, sognare l’Europa

Nessun commento Ciak Cinema Evento News Sociale

Questa sera, dalle ore 20.00, penultimo appuntamento con I Giovedì del Cinema dei Diritti al circolo arci MumbleRumble (via Loria, 35 – Pastena, Salerno) #ingressogratuito

Revenir, sognare l’Europa

Il 24 maggio al centro del confronto e dibattito sarà la questione #migranti, che affronteremo con la visione di “Revenir” di David Fedele, che sta girando in anteprima per l’Italia.
Con lui, a parlarne, tre attivisti in prima linea: Silvana Barbirotti, Antonio Bonifacio, Matteo Marzano

Vincitore nel 2014 del nostro Festival, Fedele con questo nuovo lavoro racconta il viaggio di ritorno di uno di quei migranti coraggiosi che torna sul luogo della sofferenza dove molti suoi compagni hanno perso la vita sognando una vita migliore.

REVENIR (AUS, 2018, 83 min)
Per anni, le storie dei migranti dell’Africa occidentale sono state raccontate attraverso gli occhi dei giornalisti stranieri che vogliono evidenziare la difficile situazione di coloro che sono costretti a fuggire dalle loro case. Attraverso REVENIR, ora c’è una storia raccontata dall’interno.
In parte viaggio, memoria parziale, indagine giornalistica, REVENIR segue Kumut Imesh, un rifugiato della Costa d’Avorio che attualmente vive in Francia, mentre ritorna nel continente africano e tenta di ripercorrere il viaggio che lui stesso ha intrapreso quando è costretto a fuggire civile guerra nel suo paese … Ma questa volta con una macchina fotografica in mano. Viaggiando da solo, Kumut documenterà il proprio viaggio; sia come protagonista principale davanti alla telecamera, sia come persona dietro di essa, collaborando con il regista indipendente David Fedele per fornire una prospettiva unica e necessaria sulle complesse questioni relative alla migrazione e alla libertà di movimento.
In definitiva un film sulla realizzazione di un film, REVENIR non è una storia di vendetta, né di redenzione. Ciò che è rivelato attraverso la macchina fotografica di Kumut, e le storie che riporta sono crude, oneste e intime, mentre allo stesso tempo rivelano la lotta umana per la libertà e la dignità su una delle rotte migratorie più pericolose del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: