Home

News

Imperialismo e immigrazione: come nasce la guerra tra poveri

Nessun commento Sociale

In questi giorni a Salerno stiamo assistendo alla criminalizzazione dei lavoratori immigrati che lavoravano, fino a poco tempo fa, come ambulanti a Piazza della Concordia.
Da anni (30) la presenza di questi immigrati non ha causato problemi in città, anzi c’è stata abbastanza inclusione e integrazione.
Da un pò di tempo però non è più così, viste le “politiche integrative” che ultimamente stanno investendo Salerno.
Le istituzioni borghesi comunali prima hanno cacciato 112 lavoratori ambulanti dal posto che occupavano da anni (in regola, coi permessi e pagando le tasse) per metterci un giostraio, poi, di fronte alla protesta dei lavoratori stranieri è arrivata la criminalizzazione con tanto di articoli sui giornali e tanto di censura per chi voleva portare, sui giornali stessi, l’altra parte della verità.
Evidetemente deve esserci una sola verità di regime, com’è evidente che si sta cercando di creare un “nemico”.
Il tutto in un momento in cui Salerno sta vivendo una crisi enorme, in termini occupazionali e sociali, con una destra neofascista che cerca di strumentalizzare i problemi legati all’immigrazione.
Noi Comunisti sappiamo che la causa della crisi non sono gli immigrati, vittime anch’essi di questo sistema.
Sappiamo che le responsabilità della disoccupazione, della precarietà del peggioramento delle condizioni salariali e di vita, dell’assenza di servizi nelle periferie, dei problemi abitativi, non sono gli immigrati, ma i grandi gruppi economici che determinano le politiche dei governi.

Per questo di fronte all’assenza della politica istituzionale, il Partito Comunista vuole manifestare la propria solidarietà ai lavoratori, agl studenti, ai pensionati e ai disoccupati di Salerno, sia immigrati che italiani.
Convocando quest’assemblea aperta e popolare, vogliamo chiarire le dinamiche sull’immigrazione e chi ci guadagna, ascoltare le testimonianze degli immigrati in modo da comprendere meglio le dinamiche e discutere su come affrontare questa situazione, di come evitare una guerra tra poveri che serve solo a chi governa e ai grandi poteri economici per distrarci dalle lotte reali, di come organizzare la lotta di classe dei lavoratori italiani e immigrati.

VENERDI’ 6 OTTOBRE ORE 17.30
MUMBLE RUMBLE – VIA LORIA VINCENZO 35
ASSEMBLEA POPOLARE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: