Home

Events

Putan Club live

  • Date:2013-05-18
  • Time:21:00
  • Location: MumbleRumble, Salerno
  •  Info

Putan Club live + Maybe I’m

soci Arci 5 Euro

PUTAN CLUB

Ora tornato dalla Cina, il PUTAN CLUB, creatura policefala di François R. Cambuzat (L’Enfance Rouge, Lydia Lunch, Eugene S. Robinson, The Kim Squad, il Gran Teatro Amaro…) riparte a maggio.

Sulla sua strada per Baalbeck e Beirut (Libano, via Grecia e Cipro), passera in Italia tra maggio e giugno 2013. Due personne sulla strada. Chittare, basso, computer, industrial, elettrico e sauvagerie.

Con piu di 700 concerti dalla sua formazione, in Europa, Africa e Cina, oltre che backing-band per Lydia Lunch, il PUTAN CLUB è iconoclasta, violento, groovy e ovviamente fortemente sexy.

I links audio :
https://soundcloud.com/putanclub/putan-club-phenix
https://soundcloud.com/putanclub/putan-club-palais-bourbon
https://soundcloud.com/putanclub/putan-club-filippino-bsh?in=putanclub%2Fsets%2Fputan-club

La pagina web :
http://www.putanclub.org/jehanne_putan_club.html

Tour maggio/giugno 2013 – Italia

15/05/2013 Copertino, Le (I), Sotterranei

16/05/2013 Napoli, quartiere Monsanto, Na (I), 76 A Occupato

17/05/2013 Caserta, Ce (I), Jarmush

18/05/2013 Salerno, Sa (I), Mumble Rumble

19/05/2013 Avellino, Av (I), Godot

23/05/2013 Massafra, Ta (I), New Magazine

24/05/2013 Lamezia, Cz (I), Officine Sonore

25/05/2013 Marina di Gioiosa Ionica, Rc (I), Blue Dahlia

26/05/2013 Latina, Lt (I), Hemingway

28/05/2013 Itri, Lt (I), Brigadisco Rec

29/05/2013 Senigallia, An (I), Casa della Grancetta

30/05/2013 Firenze, Fi (I), Casa del Popolo di Settignano

31/05/2013 Gambettola, Fc (I), TreEsessanta

01/06/2013 Cuneo, Cn (I), Condorito

François R. Cambuzat

(F, L’Enfance Rouge, Lydia Lunch’s Putan Club, il Gran Teatro Amaro, the Kim Squad, la République du Sauvage, le Grand Orchestre du Désastre,…) : musica, chitarre, vox, computer, electronics

Gianna Greco

(I, Shotgun Babies, Muffx, Lydia Lunch’s Putan Club) : basso, vox, effects, computer, electronics

Il PUTAN CLUB è stato ideato come una cellula di resistenza, caratterizzata da un modo di agire ispirato ai primi complotti di partigiani europei durante l’ultima guerra mondiale (azioni di forza in luoghi diversi e vari) e di partigiani irakeni, afgani o ceceni odierni.

La resistenza è organizzata con i mezzi più arcaici ed immediati del nostro secolo: dal pianoforte alla chitarra, dal respiro al rumore elettrico/elettronico come dal verso scritto alla parola urlata, come dire dalle pitture rupestri al concettualismo più arduo, o dal’avant-rock alla musica classica contemporanea alla techno/house più becera, dal bacio in bocca al calcio in culo, etc…

I luoghi dell’azione sono stati vari: dalla galleria d’arte newyorkese allo squat bosniaco, dal museo tedesco al club giapponese, dal teatro francese al bar andaluso.

Il PUTAN CLUB rivendica un’azione bakuniniana di agit-prop. … hey baby, it’s subversive …

Maybe i’m… nasce nel 2007 come un progetto solista. Nasce nel giro di una settimana, sputando fuori tutto il passato, e il risultato è una prima demo “Satan’s holding a little room for me”, pubblicata dalla net-label Recycled Music. Nel frattempo il progetto Maybe i’m…si allarga e coinvolge altre persone, si ridefinisce fino ad arrivare alla line-up attuale, un duo chitarra-batteria. Nella primavera del 2010 viene rilasciato per Jestrai Records il primo disco, “We must stop you”, al quale segue un tour promozionale che li porta anche sul palco del “Wow tour” come supporter dei Verdena in due date, a Napoli e a Umbertide (Pg). Un frammento live del concerto di Napoli viene inoltre incluso nella deluxe edition di Wow. A Marzo 2012 esce sempre per Jestrai Records “Homeless ginga”, dove iniziano ad entrare in ballo influenze diverse dalla matrice blues degli esordi, ma in linea con l’approccio musicale “roots” che il gruppo mantiene anche dal vivo. Il disco è accolto benissimo dalla critica di settore e permette alla band di portarlo in giro con un tour di numerose date in tutta la penisola, attualmente ancora in corso. Nel maggio 2013 esce in vinile “Paraponziponzipò”, split coi Bokassà, gruppo afro punk di Bari, che vede le due formazioni fondersi e, con l’aiuto ai fiati di Andrea Caprara (Squarcicatrici) e Mario Gabola (A Spirale), dare vita a un 12’’ di afro-jazz-punk-roots.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: